fbpx

Santuario la Verna

INTERVENTI > Illuminazione Artistica e Domotica > Santuario la Verna

La collaborazione di Melloncelli con La Verna nasce quasi per caso nel 2020, quando di ritorno da Assisi decidemmo di passare in questo luogo carico di significati per l’Ordine dei Francescani Minori.

Sulla soglia del Monastero trovammo ad accoglierci senza alcun appuntamento, con tutta la sua cortesia e simpatia Padre Francesco Brasa. Da lì a poco scoprimmo che si trattava del Guardiano del Santuario Francescano della Verna. Quel giorno così fortunoso si trasformò in una bellissima e fruttuosa collaborazione con Padre Francesco e i suoi confratelli.

Le richieste furono molto chiare da subito e per noi si trasformarono in una sfida molto stimolante dal punto di vista tecnico: dovevamo rispettare quella che era la spiritualità del luogo fatta di preghiera e silenzio, rimodernare gli impianti elettrici e valorizzare l’immenso patrimonio artistico presente all’interno del Santuario.

Tutto questo si è trasformato in un programma di lavori che è iniziato nel 2021 e troverà la sua realizzazione entro il 2024 data di anniversario degli 800 anni dalla fondazione del Santuario.

ILLUMINAZIONE DELLA CAPPELLA DELLE STIMMATE

La Cappella fatta edificare nel 1263 con l’aiuto dei Conti Guidi di Poppi sopra la pietra dove si trovava San Francesco nel momento in cui ricevette le stimmate.

La pietra è il fulcro della cappella ma anche quello di tutto il Santuario infatti l’evento delle stimmate e l’esempio di vita rappresentano l’eredità che San Francesco lascia ai suoi confratelli.
Allo stesso tempo la cappella ha come Pala d’Altare una bellissima terracotta invetriata del 1481 di Andrea della Robbia rappresentante la Crocefissione. La terracotta misura 5,65m per 4,20m, è composta da 720 pezzi ed è la più grande che questo artista abbia mai realizzato.

La richiesta dei Frati era prima di tutto quella di rispettare la sacralità del luogo cercando di creare un’atmosfera che richiamasse alla preghiera e al raccoglimento e allo stesso tempo dare una illuminazione adeguata alle celebrazioni e alla lettura e valorizzare la magnifica Pala d’Altare in terracotta invetriata.

Per fare questo abbiamo deciso di creare 3 scenari con l’illuminazione andando a lavorare con illuminazione indiretta per la zona del coro, e con puntamenti dedicati a mensa, ambone, santissimo e le robbiane. Per fornire più luce durante le celebrazioni solenni abbiamo aggiunto uno Spot led Melloncelli per illuminare la zona del presbiterio.
Nel dettaglio siamo andati a nascondere sopra il coro ligneo alcuni “Melloncelli cestello” per creare l’illuminazione indiretta calda a 3000 k che di riflesso da una bellissima luce in tutto l’ambiente e permette una buona lettura dando allo stesso tempo una sensazione di raccoglimento nella preghiera.
Per l’ambone e santissimo abbiamo usato ottiche molto strette per concentrare la luce e valorizzare la liturgia andando a nascondere sapientemente i corpi illuminanti.
Discorso diverso per l’altare sul quale grazie ad uno Spot Led con apertura 35° abbiamo fatto scendere la luce a pioggia dall’alto nascondendo il corpo illuminante dietro la volta che divide il presbiterio dal resto dell’ambiente.

Per quanto riguarda la Pala D’altare la difficoltà è che questi altorilievi invetriati mutano espressione a seconda del punto di osservazione e della direzione della luce da cui sono illuminate. Sempre seguiti dagli occhi vigili dei frati abbiamo lavorato con dei Mini Spot Melloncelli dimmerabili per andare a fornire la giusta quantità di luce che permettesse la fruizione dell’opera d’arte ma allo stesso tempo evitando fastidiosi abbagli dovuti alla lucentezza del materiale.

La robbiana Madonna con Bambino posta sopra alla porta di ingresso è stata illuminata con un mini sagomatore led che concentra la luce sulla terracotta e la rende ancora più bella e suggestiva.

Nel complesso abbiamo rispettato le intenzioni dei frati del Santuario, donato una luce adeguata a tutte le funzioni per cui viene usata la cappella e valorizzato le opere d’arte presenti all’interno.

ILLUMINAZIONE DELLA CAPPELLA SANTA MARIA DEGLI ANGELI

Santa Maria degli Angeli datata 1216 è la prima chiesa edificata presso La Verna e fu costruita direttamente da San Francesco, Fra Leone ed altri compagni. La forma attuale è quattrocentesca.

All’interno sono presenti terrecotte invetriate dei Della Robbia.

L’illuminazione di questa cappella mirava a fare pulizia dei corpi illuminanti preesistenti che erano visivamente molto impattanti, dare illuminazione ai diversi ambienti e creare una illuminazione che fosse adatta alle varie funzioni che ha.

Come prima cosa ci siamo dedicati alle robbiane e crocefisso posti all’ingresso lavorando con dei Mini Spot Melloncelli dimmerabili, che si sono sposati perfettamente con l’ambiente circostante privo di elementi architettonici che ne permettessero l’occultamento. Abbiamo scelto anche in questo caso una luce calda sui 3000k che permettesse di valorizzare tutti i colori delle terrecotte invetriate e mettesse in risalto il crocefisso in legno.

Il coro che viene usato dai frati è stato illuminato usando la struttura dei lampadari preesistenti inserendo e nascondendo gruppi di tre mini puntamenti per ogni supporto che vanno ad illuminare a pioggia tre gruppi di banchi per volta permettendo un’ottima lettura e valorizzando la bellezza dei particolari del coro ligneo.
La Pala D’altare anche questa in ceramica, realizzata da Andrea della Robbia del 1488 circa, che mostra la Vergine nell’atto di donare la Cintola a San Tommaso è stata illuminata con gruppi di sei mini puntamenti che vanno ad illuminare ognuno un particolare diverso e tutti insieme illuminano uniformemente tutta la ceramica.
Per le funzioni più solenni abbiamo inserito nel culmine delle volte, nascosti dall’architettura 3 Spot Led Melloncelli che vanno a dare maggiore luce nelle tre zone in cui è divisa la chiesa: uno per l’ingresso, uno per l’assemblea e uno per il presbiterio.

Nel complesso entrando nella chiesa l’occhio del visitatore viene educato con discrezione nel guardare grazie alla luce tutti i punti di interesse senza le distrazioni dei corpi illuminanti che c’erano prima.

È stato dato un senso di raccoglimento nella preghiera nella zona del coro con una luce calibrata e opportuna per il luogo.
In più è stata data la possibilità di dare ancora più luce per le celebrazioni più importanti grazie all’illuminazione dall’alto.

Richiedi informazioni

Contattaci